Il Kula da scambio cerimoniale a dispositivo narrativo: oggetti, doni, parole