Il «caso Sofri» ed il potere di grazia