La «separation barrier» al vaglio della Corte suprema israeliana