Dal Libano alla Corea passando per l'Iran: è la rivincita del "multilateralismo"?