L’articolo contribuisce a ripensare la nozione di comunità nel dibattito antropologico prendendo in esame il caso di una esposizione amatoriale dedicata alla memoria della violenza politica subita dai militanti delle organizzazioni studentesche e rivoluzionarie che in Turchia sono state vittime del colpo di stato del 1980-1983. Il contributo mette in luce come l’esposizione si configuri come una sorta di museo-comunità che consente di dar voce a memorie silenziate dallo Stato. Al contempo, i limiti della sua strategia espositiva non permettono di provare empatia a un visitatore “esterno”, contribuendo dall’interno a consolidare l’isolamento morale della comunità che si (ri)costruisce attraverso questo museo.

12 eylül utanç müzesi. Ossia il museo della vergogna del 12 settembre

lorenzo d'orsi
2016

Abstract

L’articolo contribuisce a ripensare la nozione di comunità nel dibattito antropologico prendendo in esame il caso di una esposizione amatoriale dedicata alla memoria della violenza politica subita dai militanti delle organizzazioni studentesche e rivoluzionarie che in Turchia sono state vittime del colpo di stato del 1980-1983. Il contributo mette in luce come l’esposizione si configuri come una sorta di museo-comunità che consente di dar voce a memorie silenziate dallo Stato. Al contempo, i limiti della sua strategia espositiva non permettono di provare empatia a un visitatore “esterno”, contribuendo dall’interno a consolidare l’isolamento morale della comunità che si (ri)costruisce attraverso questo museo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/424593
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact