La sentenza Cass., 18 settembre 2020, n. 19565 fa da contrappunto a una narrazione delle vicende attuali dell’intermediazione immobiliare, questa minacciata dalla terminologia e dai rimedi del mercato dei beni di consumo. Il contributo ripercorre gli elementi fondanti il contratto di mediazione, nella sua dimensione codicistica, e le prassi invalse nella pratica del mercato im- mobiliare per aprire a soluzioni qualificatorie più aderenti alle esigenze di tutti i protagonisti del peculiare sistema.

CONSUMERISMO ED EFFETTI DELLA NEOLINGUA NEL SETTORE IMMOBILIARE

M. Francesca
2022

Abstract

La sentenza Cass., 18 settembre 2020, n. 19565 fa da contrappunto a una narrazione delle vicende attuali dell’intermediazione immobiliare, questa minacciata dalla terminologia e dai rimedi del mercato dei beni di consumo. Il contributo ripercorre gli elementi fondanti il contratto di mediazione, nella sua dimensione codicistica, e le prassi invalse nella pratica del mercato im- mobiliare per aprire a soluzioni qualificatorie più aderenti alle esigenze di tutti i protagonisti del peculiare sistema.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/417671
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact