Barbarus hic ego sum. Lo sguardo reciproco e la "narrazione triste" dell'alterità da Ovidio peregrinus a Ndjock Ngana