Nella seconda metà del XVI secolo sorse una vivace polemica sull’attendibilità teologica dei sermoni funebri, ritenuti superflui all’interno della liturgia anglicana rigidamente strutturata secondo i dettami della prassi riformata . L’accusa più evidente contro tale pratica trovava fondamento nella stretta somiglianza con il rituale cattolico che intendeva l’eulogia come mera esaltazione del defunto. I sermoni funebri diventarono una forma di comunicazione religiosa talmente importante che, seppur inizialmente esposti solamente a voce di fronte all’uditorio, vennero spesso pubblicati su richiesta di un parente del defunto e dei fedeli stessi, oppure inseriti nelle numerose raccolte che furono così frequentemente date alle stampe a partire dagli anni Venti del XVII secolo. Il saggio analizza la figura di Katherine Bruen Brettergh, personaggio tra luci e ombre.

Un problematico modello di devozione cristiana: Katherine Bruen Brettergh (1579-1601)

Antonella Cagnolati
2019

Abstract

Nella seconda metà del XVI secolo sorse una vivace polemica sull’attendibilità teologica dei sermoni funebri, ritenuti superflui all’interno della liturgia anglicana rigidamente strutturata secondo i dettami della prassi riformata . L’accusa più evidente contro tale pratica trovava fondamento nella stretta somiglianza con il rituale cattolico che intendeva l’eulogia come mera esaltazione del defunto. I sermoni funebri diventarono una forma di comunicazione religiosa talmente importante che, seppur inizialmente esposti solamente a voce di fronte all’uditorio, vennero spesso pubblicati su richiesta di un parente del defunto e dei fedeli stessi, oppure inseriti nelle numerose raccolte che furono così frequentemente date alle stampe a partire dagli anni Venti del XVII secolo. Il saggio analizza la figura di Katherine Bruen Brettergh, personaggio tra luci e ombre.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11369/387656
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact