EDITORIALE: Trasformare la finitudine in speranza