Un’agorà digitale per la rappresentanza (e la formazione di una “coscienza di classe”) dei lavoratori stranieri in agricoltura