La spettacolarizzazione come deformazione dell'umano e come origine del “tragico urbano”