A proposito di un recente dibattito su verità e diritto penale