"Quella Roma onde Cristo è romano": la ricezione di Dante nel magistero pontificio contemporaneo