Sulla scienza storica. A proposito di un libro su Weber