Alla luce dei tradizionali orientamenti storiografici che individuano nel Settecento il secolo della consapevolezza della tecnologia, il presente saggio ricostruisce i passaggi fondamentali che, a partire dall’homme-machine, portarono ad una profonda revisione del concetto stesso di uomo. Ne emerge una duplice rivoluzione, legata da un lato alla metafora interpretativa dell’uomo-macchina e, dall’altro, all’affermazione della cosiddetta “pedagogia dell’innovazione” prodotta dalla crescente diffusione della tecnologia.

Anatre, suonatori e scrivani. Il Settecento tra meccanica e vita artificiale

TRAETTA, LUIGI
2013

Abstract

Alla luce dei tradizionali orientamenti storiografici che individuano nel Settecento il secolo della consapevolezza della tecnologia, il presente saggio ricostruisce i passaggi fondamentali che, a partire dall’homme-machine, portarono ad una profonda revisione del concetto stesso di uomo. Ne emerge una duplice rivoluzione, legata da un lato alla metafora interpretativa dell’uomo-macchina e, dall’altro, all’affermazione della cosiddetta “pedagogia dell’innovazione” prodotta dalla crescente diffusione della tecnologia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/197348
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact