Malattia parodontale e malattia cardiovascolare: correlazione o semplice coincidenza?