“Un “patch autologo” per la soluzione di un problema intraoperatorio”