G. Salvemini e G. Modugno negli anni della crisi dello Stato liberale