L'Organizzazione mondiale del commercio condanna il Sistema di preferenze generalizzate della Comunità europea per il suo carattere discriminatorio