Pluralità di difensori e ricorso in Cassazione