EDITORIALE: La pregnanza educativa della locuzione “bene comune”