Trasporto in contro-corrente: un possibile meccanismo per spiegare la selettività d’azione sull’utero del progesterone vaginale