Il “volo” di Medea e la condanna delle falsità nella polemica antimanichea di Agostino