I “travagli” della comunicazione per litteras: note sull’epistolario di Agostino