Etica e regolatori privati: il caso dei mercati di borsa