In ambito giuridico, il dibattito sul problema delle c.d. unioni di fatto rivela una crescente divaricazione tra l'esperienza giuridica secolare e la posizione della Chiesa cattolica. Nella prima prevale una linea di tendenziale apertura che non trova riscontro nella seconda. La posizione del Magistero non è giustificata in termini (solo) confessionali ma facendo riferimento ai postulati della recta ratio. In un ordinamento pluralista e ispirato ai canoni di una laicità aperta e inclusiva spetta al diritto tener conto della compresenza di diverse concezioni e ricercare soluzioni condivise sul piano dei valori.

Le unioni di fatto. Esperienza giuridica secolare e insegnamento della Chiesa

MARANO, VENERANDO
2005

Abstract

In ambito giuridico, il dibattito sul problema delle c.d. unioni di fatto rivela una crescente divaricazione tra l'esperienza giuridica secolare e la posizione della Chiesa cattolica. Nella prima prevale una linea di tendenziale apertura che non trova riscontro nella seconda. La posizione del Magistero non è giustificata in termini (solo) confessionali ma facendo riferimento ai postulati della recta ratio. In un ordinamento pluralista e ispirato ai canoni di una laicità aperta e inclusiva spetta al diritto tener conto della compresenza di diverse concezioni e ricercare soluzioni condivise sul piano dei valori.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11369/9767
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact