L’interpretazione autentica dei contratti collettivi è ancora una prerogativa esclusiva delle parti stipulanti?