Nuove formule produttive e distributive degli intermediari finanziari: implicazioni sulle metodologie di valutazione