LA RETORICA DEL SILENZIO NELLA DIVINA COMMEDIA