Il neologismo “Waldeinsamkeit” (solitudine nel bosco) di Ludwig Tieck viene indagato nel contesto di vari racconti di quest’autore rispetto alla creazione di uno specifico spazio letterario romantico che non intende fornire coordinate per un’immaginazione di un luogo più meno dettagliato e realistico ma vuole creare un’atmosfera di sospensione di spazio e tempo nel gioco di un continuo scambio tra spazi immaginati e spazi esterni, reali. Questa perdita di distinzione tra spazio poetico e spazio storico si presenta già in questo testo del primo romanticismo come un’autocritica del rischio di perdita di senso della realtà quando l’arte viene messa assoluta.

"Waldeinsamkeit": Zur Vieldeutigkeit von Tiecks erfolgreichem Neologismus

NIENHAUS, STEFAN
2009

Abstract

Il neologismo “Waldeinsamkeit” (solitudine nel bosco) di Ludwig Tieck viene indagato nel contesto di vari racconti di quest’autore rispetto alla creazione di uno specifico spazio letterario romantico che non intende fornire coordinate per un’immaginazione di un luogo più meno dettagliato e realistico ma vuole creare un’atmosfera di sospensione di spazio e tempo nel gioco di un continuo scambio tra spazi immaginati e spazi esterni, reali. Questa perdita di distinzione tra spazio poetico e spazio storico si presenta già in questo testo del primo romanticismo come un’autocritica del rischio di perdita di senso della realtà quando l’arte viene messa assoluta.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/9324
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact