Ontologia e temporalità. Spinoza e i suoi lettori moderni