Corsi e ricorsi letterari: ritorno al “De aleatoribus”