Il rischio stupendo della similitudine