ALLA RICERCA DI UNA TERZA FORMA FRA DOLO E COLPA