Cultura “classica” e società contemporanea: osservazioni per una possibile conciliazione