Teorico del Verismo, al contempo affascinato da fenomeni parapsicologici, al punto d’essere indotto a scrivere l’interessante volume Spiritismo?, Luigi Capuana ha prestato notevole attenzione nella suaproduzione alla fisiognomica e alla rappresentazione delle emozioni, anche con precisi riferimenti di carattere culturale. Il contributo di Palumbo scandaglia alcune delle sue opere maggiori, come il romanzo Giacinta, e soprattutto la produzione novellistica, soffermandosi in particolar modo sulla curiosa opera del Decameroncino, incentrata sull’ars narrandi del medico affabulatore Maggioli.

Fisiognomica e rappresentazione delle emozioni nell’opera di Luigi Capuana

PALUMBO GIANNI ANTONIO
2022-01-01

Abstract

Teorico del Verismo, al contempo affascinato da fenomeni parapsicologici, al punto d’essere indotto a scrivere l’interessante volume Spiritismo?, Luigi Capuana ha prestato notevole attenzione nella suaproduzione alla fisiognomica e alla rappresentazione delle emozioni, anche con precisi riferimenti di carattere culturale. Il contributo di Palumbo scandaglia alcune delle sue opere maggiori, come il romanzo Giacinta, e soprattutto la produzione novellistica, soffermandosi in particolar modo sulla curiosa opera del Decameroncino, incentrata sull’ars narrandi del medico affabulatore Maggioli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/425810
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact