L’aneddoto dell’incontro di Scipione e Annibale a Efeso, tramandato da Livio (XXXV, 14, 5-12), innesca una quaestio de ducibus, ripresa e risemantizzata da Petrarca nella Vita di Scipione e nella Collatio inter Scipionem, Alexandrum, Hanibalem et Pyrrum: un interessante esempio di imitatio funzionale alla legittimazione di Scipione come modello di comandante e uomo di stato, che grande influenza eserciterà sulla trattatistica d’età umanistico-rinascimentale.

Scipione e Annibale a Efeso: la quaestio de ducibus da Tito Livio a Petrarca

Antonella Tedeschi
2022

Abstract

L’aneddoto dell’incontro di Scipione e Annibale a Efeso, tramandato da Livio (XXXV, 14, 5-12), innesca una quaestio de ducibus, ripresa e risemantizzata da Petrarca nella Vita di Scipione e nella Collatio inter Scipionem, Alexandrum, Hanibalem et Pyrrum: un interessante esempio di imitatio funzionale alla legittimazione di Scipione come modello di comandante e uomo di stato, che grande influenza eserciterà sulla trattatistica d’età umanistico-rinascimentale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/420151
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact