L'articolo indaga il culto dell'arcangelo Michele "guaritore" a partire dai testi apocrifi del Giudaismo del Secondo Tempio e del primitivo cristianesimo sino alla "stilla" del santuario garganico. Si sofferma in particolare sulla funzione dell'arcangelo nel corso delle epidemie di peste, da quella del 590 al tempo di Gregorio Magno a quella del 1656 in tutto il Regno di Napoli, per giungere all'attualità del coronavirus.

Quando la storia si ripete. Racconti sulla peste

infante
2021

Abstract

L'articolo indaga il culto dell'arcangelo Michele "guaritore" a partire dai testi apocrifi del Giudaismo del Secondo Tempio e del primitivo cristianesimo sino alla "stilla" del santuario garganico. Si sofferma in particolare sulla funzione dell'arcangelo nel corso delle epidemie di peste, da quella del 590 al tempo di Gregorio Magno a quella del 1656 in tutto il Regno di Napoli, per giungere all'attualità del coronavirus.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11369/418127
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact