Il diritto dei "senza poteri"?