Note sulla lettura di Cassio Dione in Celio Secondo Curione