“L'eccezionalità del presente”. Scrivere la Grande Guerra