"Non è poi detto che certe cose non possano avvenire": malattie, fantasmi e morti apparenti in Pirandello e in Buzzati