Gregorio Magno, un letterato al governo