La centralità dell’attività interpretativa della Commissione di garanzia tra limiti all’autonomia collettiva e tutela degli utenti