Tra negazione e soggettività. Per una rilettura del corpo femminile nella storia dell'educazione