La classificazione delle aree interstiziali: il caso di Bari