Ma è comodo dare la colpa ai cinesi