Pietro Ranzano e Leandro Alberti sulle orme di Ludovico Carbone