Un “fumetto” bizantino