Sofocle, "senza ragnatele"